Featured Video Play Icon

Qual è l’in­ten­zio­ne, il signi­fi­ca­to dell’educazione?

Qual è il rap­por­to tra l’e­du­ca­to­re e lo studente?

Non esi­ste un inse­gnan­te sepa­ra­to da ciò che inse­gna. L’in­se­gnan­te non è sem­pli­ce­men­te uno che for­ni­sce infor­ma­zio­ni, ma uno che è pro­fon­da­men­te pre­oc­cu­pa­to per lo stu­den­te, il che signi­fi­ca che è inte­res­sa­to anche a se stesso.

Cosa signi­fi­ca esse­re condizionati?

Come può l’in­se­gnan­te con­di­zio­na­to par­la­re del­lo sta­to incondizionato?

Non c’è feli­ci­tà tem­po­ra­nea, né illu­mi­na­zio­ne tem­po­ra­nea, né glo­ria tem­po­ra­nea. O è com­ple­to o no. Non è mai frammentaria.

Jid­du Kri­sh­na­mur­ti, Ojai 12 apri­le 1977

Leggi Anche  La sorpresa del Dalai Lama