È mol­to impor­tan­te impa­ra­re ad osser­va­re le nostre emo­zio­ni nega­ti­ve. Un’e­mo­zio­ne nega­ti­va comu­ne è la rab­bia, una for­ma­zio­ne com­ples­sa che è al cen­tro del­le lot­te di tan­te per­so­ne con il peso, le rela­zio­ni e la vita in gene­ra­le. Iden­ti­fi­ca­re la pre­sen­za e l’as­sen­za di rab­bia in noi por­ta mol­ti van­tag­gi. La rab­bia è come una fiam­ma che divam­pa e con­su­ma il nostro auto­con­trol­lo, facen­do­ci pen­sa­re di dire e fare cose di cui pro­ba­bil­men­te ci pen­ti­re­mo in segui­to …

Quan­do osser­via­mo che la nostra rab­bia è pre­sen­te e iden­ti­fi­chia­mo con­sa­pe­vol­men­te la nostra rab­bia, per­de­rà la sua natu­ra distrut­ti­va. Solo quan­do sia­mo arrab­bia­ti e non osser­via­mo la nostra rab­bia con­sa­pe­vol­men­te, la nostra rab­bia diven­ta distrut­ti­va. Quan­do la rab­bia nasce in noi, dovrem­mo segui­re da vici­no il nostro respi­ro men­tre iden­ti­fi­chia­mo e osser­via­mo con­sa­pe­vol­men­te la nostra rab­bia. Quan­do lo fac­cia­mo, la con­sa­pe­vo­lez­za è già nata in noi e la rab­bia non può più mono­po­liz­za­re la nostra coscien­za.

La con­sa­pe­vo­lez­za sta accan­to alla rab­bia:

Inspi­ran­do, so di esse­re arrab­bia­to.

Espi­ran­do mi pren­do cura del­la mia rab­bia.

Que­sta con­sa­pe­vo­lez­za è un com­pa­gno per la rab­bia. La nostra osser­va­zio­ne con­sa­pe­vo­le non è per sop­pri­me­re o scac­cia­re la nostra rab­bia, ma solo per pren­der­se­ne cura. Que­sto è un prin­ci­pio mol­to impor­tan­te.

Quan­do sia­mo arrab­bia­ti, la nostra rab­bia è il nostro stes­so sé. Sop­pri­me­re o scac­cia­re la nostra rab­bia signi­fi­ca sop­pri­me­re o scac­cia­re noi stes­si. Quan­do nasce la rab­bia, pos­sia­mo esse­re con­sa­pe­vo­li che la rab­bia è un’e­ner­gia den­tro di noi e pos­sia­mo cam­bia­re quel­l’e­ner­gia in un altro tipo di ener­gia. Se voglia­mo tra­sfor­mar­lo, pri­ma dob­bia­mo sape­re come accet­tar­lo.

Da Savor – Min­d­ful Eating, Min­d­ful Life

Leggi Anche  5 pratiche per nutrire la felicità